Media Event Content Agency

Diamo il benvenuto a Magentaverse!

Share:

Anche quest’anno il Pantone Colore Institute, la massima autorità mondiale in tema di colore, ha decretato il colore del 2023.

Il nome ufficiale è PANTONE 18-1750 Viva Magenta e in una nota l’Institute lo definisce come “una sfumatura non convenzionale per tempi non convenzionali”.

Viva Magenta è coraggioso e impavido, è un colore pulsante la cui esuberanza promuove una celebrazione gioiosa e ottimista, scrivendo una nuova narrazione.

Il Colore dell’anno di quest’anno è potente e stimolante. Si tratta di un nuovo rosso animato che si diverte con la pura gioia, incoraggiando la sperimentazione e l’espressione di sé senza freni, una tonalità elettrizzante e senza confini che si sta manifestando come un’affermazione di spicco.


Viva Magenta sarà anche il colore chiave del metaverso, “un colore ibrido, che sta comodamente a cavallo tra il fisico e il virtuale, evocativo del nostro mondo multidimensionale. Capace quindi di raccontare la realtà che stiamo vivendo, sempre più immersa nella tecnologia e che ci rende più connessi fra di noi.

Non a caso Pantone e Artechouse, azienda leader nelle tecnologie multimediali, hanno dato vita al The Magentaverse, un’installazione immersiva in stanze con diverse trame e modelli di interazione, per vivere a pieno il colore dell’anno 2023.

Per chi volesse approfiondire il progetto, clicca qui.


PANTONE 18-1750 Viva Magenta discende dalla famiglia dei rossi e si ispira al rosso della cocciniglia, uno dei coloranti più preziosi appartenenti alla famiglia dei coloranti naturali, nonché uno dei più forti e brillanti che il mondo abbia mai conosciuto.

BREVE STORIA DEL ROSSO COCCINIGLIA:

Il rosso brillante fino al XVI era un colore molto difficile da ottenere perché la cocciniglia europea (insetto dal quale si estraeva per essiccazione questo) contiene al massimo lo 0,8 – 1% di acido carmico (responsabile del colore).

Bisogna aspettare il XVI secolo e la sbarco dei conquistadores in centro america per scoprire che l’omonimo insetto messicano ne contiene invece circa il 20%, non a caso era il colore prediletto dalle culture pre-colombiane che lo usavano per tingere vesti, per impreziosire utensili e ornamenti e aveva addirittura un ruolo molto importante per la scrittura.

Ma torniamo al nostro Viva Magenta!


In FLUXX non lo abbiamo ancora provato per un progetto, ma sicuramente lo faremo presto… Per chi volesse provare ad usarlo i codici colore che lo riproducono sono questi RGB(187, 38, 73), intanto vi lasciamo qui sotto un piccolo moodboard di ispirazione con alcune delle più immagini in Viva Magenta trovate online.


E anche per questa settimana è tutto! Vi aspettiamo con la prossima puntata di #FLUXXGfx #FLUXXAcademy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su